Joao Pedro, la certezza del Cagliari

A cura di Francesco Iervolino

10 Set, 2021

La vita di un individuo, che sia donna o uomo, è colma di dubbi esistenziali e di scelte necessarie per indirizzarla al meglio possibile. Generalmente si sa, sono davvero poche e rare le certezze su cui possiamo contare. E in Sardegna, precisamente a Cagliari, lo sanno bene cos’è una certezza : si chiama Joao Pedro.

L’attaccante brasiliano è alla nona stagione in Italia. Dopo una breve esperienza al Palermo, è arrivato a Cagliari dove ha appena iniziato il suo ottavo anno consecutivo con quei colori addosso. Da capitano e da numero 10. E l’ha fatto come meglio non poteva fare, con una doppietta. Dall’episodio della positività all’anti-doping del marzo 2018, ha scontato una pena di 6 mesi e da li’ è come se fosse maturato in maniera definitiva. Inspiegabilmente un calciatore poco pubblicizzato dai media, che da anni a questa parte si sta affermando nella nostra Serie A, uno dei campionati più difficili al mondo. Quel calciatore che sai che nonostante tutto non deluderà, ormai uno stakanovista. E se ha acquisito questo status un motivo ci sarà, ci ha abituato davvero bene con i suoi numeri…

Nelle ultime 3 stagioni ha segnato 41 gol e 10 assist totali, segnando 12 rigori su 15. Niente male eh?

Dove predilige giocare

Agli inizi Joao Pedro giocava come centravanti, poi si è spostato più dietro e da li’ non ha mai avuto un ruolo fisso in realtà. Proprio perchè oltre ad avere uno spiccato senso del gol, è abile nel dribbling, ha un’ottima tecnica abbinata a una buona visione di gioco. E ha anche una piu’ che buona elevazione, tuttavia sia alto 184 cm. Nella zona offensiva del campo potremmo definirlo completo. Non a caso ha giocato in passato da esterno a tutta fascia, nei primi anni al Cagliari mezz’ala, poi trequartista e ora stabilmente come seconda punta. Infatti le sue migliori stagioni a livello realizzativo sono state le ultime con Maran, che per necessità l ha utilizzato come secondo in un attacco a due. E cosi’ Joao ha scoperto di essere anche un ottimo finalizzatore. Nonostante ciò, è molto mobile e ama svariare nella trequarti avversaria senza perdere la sua efficacia. Anche se brasiliano, possiamo definirlo più concreto che fantasioso. Difficilmente perdona davanti al portiere ed è molto freddo, d’altronde è anche un gran tiratore di calci di rigore.

Insomma, non fa differenza la posizione in campo. Le sue caratteristiche e la sua qualità sopperiscono anche a qualche lacuna tattica dei vari ruoli occupati, difficile rinunciarci.

Ora bandiera ma in futuro…

Dulcis in fundo Joao Pedro al Cagliari è più di un semplice calciatore, ormai una vera e propria bandiera. Come abbiamo già detto, una sicurezza per gli isolani. 7 stagioni disputate e una in corso, 220 presenze e 73 gol segnati, che lo mandano direttamente in 4a posizione tra i marcatori più profilici della storia del Casteddu. E da quando è andato via Nainggolan, ha anche ricevuto la fascia di capitano. Ciò lo innalza ancor di più a leader del gruppo, avendo raggiunto anche l’età, come la si definisce, “di piena maturità calcistica” (29 anni). Tutti si aspettano la sua permanenza a Cagliari, anche magari finire la carriera qui in Sardegna ma chissà che invece non sia arrivato il momento di provare una nuova esperienza…

Il futuro è sempre incerto, la cosa certa invece è che Joao Pedro è pronto per fare il salto di qualità e a questo punto potrebbe essere un’occasione ghiotta per lui. Nell’attesa di saperlo, ce lo godiamo all’opera con il suo Cagliari.

Iscriviti alla nostra newsletter

Il podcast


© Controcalcio. All rights reserved. Trained and developed by SpritzLabs.