TOP 11 SERIE A 2020/2021

A cura di Francesco Iervolino

2 Giu, 2021

Terminata la stagione, è tempo di bilanci anche per il team di Controcalcio. Abbiamo quindi stilato la nostra personale top 11 del campionato appena passato. Un 4-3-3 di cui tra i pali c’è Gigio Donnarumma; difesa composta da Cuadrado sulla destra, centrali De Vrij e il sorprendente Romero, a sinistra invece Gosens; centrocampo a 3 formato da Kessiè, De Paul e Chiesa; attacco pesante con Insigne, il capocannoniere Ronaldo e ovviamente Lukaku.

GIANLUIGI DONNARUMMA

Pochi dubbi su chi sia l’estremo difensore di questa top 11. Il migliore per distacco, Gigio Donnarumma. Il portierone del Milan oltre ad aver fatto registrare 14 clean sheet in Serie A quest’anno, è stato protagonista di prestazioni incredibili. Il raggiungimento della qualificazione in Champions del suo Milan, sicuramente passa dalle parate decisive dello stabiese. A soli 22 anni sembra già un veterano, si fa sempre sentire in gruppo e col passare degli anni continua a scalare posizioni nella speciale classifica dei migliori portieri del mondo.

JUAN GUILLERMO CUADRADO

Se la Juve è riuscita a raggiungere un posto in Champions, molto lo devo al suo tuttofare, Juan Cuadrado. La freccia colombiana è stata davvero inarrestabile e i suoi numeri sono tutto dire, 10 passaggi vincenti e 2 reti. Gli unici 2 gol del suo campionato tra l’altro non affatto banali; una doppietta decisiva contro l’Inter campione d’Italia che ha permesso alla Juve di rimanere aggrappata alla Champions. Accelerazioni fulminee, imprevedibilità, tecnica eccelsa: caratteristiche tutte espresse al massimo livello con una continuità insolita per quello che Cuadrado ci ha abituato. Una delle pochi luci nella stagione peggiore della Juve dell’ultimo decennio.

STEFAN DE VRIJ

Visualizza immagine di origine

Stefan De Vrij, dopo l’MVP vinto lo scorso anno, si riconferma alla grande. Il generale olandese è stato il leader della difesa meno battuta d’Italia con soli 35 gol subiti. Il reparto arretrato dell’Inter è stato senza dubbio un fattore costante che ha poi portato in maniera decisiva e anche con largo anticipo alla conquista dello scudetto 2020/2021. Insieme a Skriniar e Bastoni il muro si è rivelato quasi invalicabile per gli avversari e la sicurezza che trasmette inevitabilmente lo proclama come uno dei migliori difensori che il nostro campionato può offrire.

CRISTIAN ROMERO

Visualizza immagine di origine

La rivelazione di quest’annata è sicuramente Cristian Romero. Nonostante avesse fatto vedere spesso buone cose, nessuno si sarebbe mai aspettato un dominio del genere del giovane difensore argentino. E invece il suo talento è uscito fuori completamente e ha rubato la scena a molti difensori più blasonati. I numeri che lo confermano sono davvero spaventosi: media voto del 7.14 per 29 partite giocate da titolare condita da 2 gol e 2 assist. Non è molto disciplinato(10 gialli ricevuti) anzi, la sua personalità lo porta ad essere spesso irruento, ma nemmeno ciò riesce a scalfire la sua notevole forza fisica, grande velocità ma soprattutto i suoi tempi di anticipo che risultano essere fatali per ogni attaccante che si ritrova davanti.

ROBIN GOSENS

Visualizza immagine di origine

Formalmente potremmo definirlo difensore, ma a tutti gli effetti è un esterno totale che fa entrambe le fasi in maniera egregia. Nella nostra top 11 non poteva mancare Robin Gosens. Se lo scorso anno sembrava solo un exploit, quest’anno si è ripetuto, anzi addirittura migliorato. Doppia cifra di gol(11), prima volta in carriera per lui, con 6 assist. Se ci fosse bisogno di far capire ancora di più l’importanza e l’assurdità di queste statistiche, basti pensare che ha eguagliato un record di 35 anni fa di Passarella diventando insieme a lui il difensore straniero con più gol fatti in una singola stagione. L’Atalanta ora deve cercare di tenere lontane le acquirenti dal suo gioiellino, il motore della Dea di nuovo artefice di una stagione eccezionale.

FRANCK KESSIE’

Visualizza immagine di origine

Il fulcro del centrocampo del Milan, uno degli uomini chiave di questo gruppo, Franck Kessiè. L’ivoriano ha disputato una stagione fantastica sotto tutti i punti di vista: tanta sostanza in mezzo al campo e superlativo dal punto di vista realizzativo. I gol realizzati sono 13, di cui ben 11 su rigore che ne fanno un cecchino quasi infallibile, scalzando il posto da rigorista a uno come Ibrahimovic. Le sue trasformazioni dal dischetto hanno fruttato molti punti ai rossoneri ma non da meno le sue prestazioni, un mastino d’altri tempi e per via del suo immenso fisico è molto difficile togliergli la palla dai piedi. Cosi’ il “presidente” (cosi’ lo chiamano nello spogliatoio), si consacra tra i migliori centrocampisti della Serie A.

RODRIGO DE PAUL

Visualizza immagine di origine

La salvezza tranquilla dell’Udinese porta indubbiamente il nome di Rodrigo De Paul. L’argentino si è preso la squadra sulle spalle e da leader tecnico li ha trascinati per tutta la stagione a suon di gol e assist. 9 e 9 per l’esattezza. Il 10 friulano, tuttocampista dalla tecnica sopraffina, visione di gioco fuori dal comune, qualità e quantità a centrocampo è ormai una certezza della nostra Serie A. A inizio stagione sembrava dovesse lasciare l’Udinese verso altri lidi, ma è rimasto ed ha dimostrato ancora una volta tutto il suo immenso talento. Dopo 5 anni in Friuli De Paul è pronto per giocare ai massimi livelli del calcio mondiale, lo vedremo presto protagonista statene certi.

FEDERICO CHIESA

Visualizza immagine di origine

Trasferitosi alla Juventus a fine agosto 2020, Federico Chiesa non ha minimamente sofferto il salto in una big del calcio italiano e mondiale. Ma anzi, il suo impatto è stato davvero devastante. Tralasciando i numeri realizzativi da top centrocampista (8 gol e 8 assist in bianconero), la sua forza emotiva e la sua cattiveria agonistica lo hanno reso anche uno dei leader caratteriali di questa nuova Juventus. Insomma, tanta qualità sulla fascia abbinata ad una fame di vittoria invidiabile è il connubio perfetto che fa ben sperare per il futuro dei bianconeri. Ripartire da Federico Chiesa, che merita un posto nella nostra top 11.

LORENZO INSIGNE

Visualizza immagine di origine

A discapito di altri giocatori meritevoli, la nostra scelta è ricaduta su Lorenzo Insigne. Il capitano del Napoli è stato autore di una stagione da incorniciare, la migliore della sua carriera per numero di gol fatti in Serie A: ben 19 accompagnati da 7 passaggi vincenti. Ciò che maggiormente si è evinto dalle sue prove è stata una maturità finalmente raggiunta, spesso discontinuo negli anni scorsi, quest’anno si è messo costantemente al servizio della squadra, a volte anche rinunciando ad essere più lucido sotto porta. Inoltre, a livello carismatico è stato una guida per i compagni, sperando che possa ripetersi anche all’ormai imminente Europeo con la sua Italia.

CRISTIANO RONALDO

Visualizza immagine di origine

Nonostante non sia stata una grande stagione per la Juve e Ronaldo a livello di rendimento a volte ha faticato, i suoi gol non mancano praticamente mai e sono davvero troppi per poterlo escludere dalla nostra top 11. CR7 in questa stagione è riuscito finalmente a conquistare il tanto ambito premio di capocannoniere con 29 reti ed è il quinto trionfo di top scorer in 3 campionati diversi. Spesso e volentieri il portoghese con i suoi gol ha nascosto delle prestazioni opache della sua squadra e ogni anno che passa la sua facilità di finalizzazione sembra sempre più letale per le difese avversarie. Campione senza tempo.

ROMELU LUKAKU

Visualizza immagine di origine

Niente e nessuno meritava più di lui di essere in questo team: Romelu Lukaku, a mani basse MVP del campionato 20/21. Per larghi tratti della stagione dominante e infermabile, Big Rom si è confermato attaccante completo quasi senza debolezze. La sua grande velocità abbinata a quello strapotere fisico, quasi ineguagliabile, ha messo in ginocchio tantissime difese nella nostra Serie A. Impossibile per Conte rinunciare a uno come lui, attaccante che fa bene a tutta la manovra offensiva dell’Inter. Come confermano anche i suoi numeri stratosferici: ha partecipato a 35 gol dei nerazzurri divisi rispettivamente in 24 gol e addirittura doppia cifra di assist (11), atipica statistica per uno della sua stazza, che lo rendono il giocatore più incisivo del campionato.

Iscriviti alla nostra newsletter

Il podcast


© Controcalcio. All rights reserved. Trained and developed by SpritzLabs.